Torna a Surriento
Giovanni Martinelli

Back to the songs index - | -Torna all'indice delle canzoni

TESTO ORIGINALE IN NAPOLETANO

Vide 'o mare quant'Ŕ bello!
Spira tantu sentimento.
Comme tu a chi tiene mente
Ca scetato 'o faje sunnÓ.

Guarda, gua' chistu ciardino;
Siente, sie' sti sciure arance.
Nu prufumo accussý fino
Dinto 'o core se ne va...

E tu dice "I' parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnÓ

Ma nun me lassÓ
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campÓ!

Vide 'o mare de Surriento,
Che tesoro tene 'nfunno:
Chi ha girato tutto 'o munno
Nun l'ha visto comm'a ccÓ.

Guarda attuorno sti sserene,
Ca te guardano 'ncantate
E te vonno tantu bene...
Te vulessero vasÓ.

E tu dice "I' parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnÓ

Ma nun me lassÓ
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campÓ!

( G. De Curtis - E. De Curtis, 1904 )
TRADUZIONE IN ITALIANO

Vedi il mare come Ŕ bello!
Ispira molto sentimento.
Come te che a chi guardi
Da sveglio lo fai sognare.

Guarda, guarda questo giardino;
Sente, senti questi fiori d'arancio.
Un profumo cosý delicato
dentro al cuore se ne va...

E tu dici: "Io parto, addio!"
Ti allontani da questo cuore...
Dalla terra dall'amore...
Hai il coraggio di non tornare?

Ma non lasciarmi,
Non darmi questo tormento!
Torna a Sorrento,
Fammi vivere!

Vedi il mare di Sorrento,
Che tesori ha nel fondo:
Chi ha girato tutto il mondo
Non l'ha visto come qua.

Guarda intorno queste Sirene,
Che ti guardano incantate
E ti vogliono tanto bene...
Ti vorrebbero baciare.

E tu dici: "Io parto, addio!"
Ti allontani da questo cuore...
Dalla terra dall'amore...
Hai il coraggio di non tornare?

Ma non lasciarmi,
Non darmi questo tormento!
Torna a Sorrento,
Fammi vivere!
A molti sembrerÓ strano, ma questa canzone Ŕ dedicata ad un uomo. Questi sono i fatti: Nel Settembre del 1902 il Presidente del Consiglio Giuseppe Zanardelli si rec˛' in visita ufficiale a Sorrento. Prese alloggio nell'albergo in cui lavorava come affreschista Giambattista De Curtis.

A quei tempi la situazione a Sorrento era catastrofica. Strade sconnesse, case diroccate, servizi inesistenti. Per invogliare il Presidente Zanardelli a fare qualcosa ed al pi¨' presto, i De Curtis (Giambattista ed Ernesto) gli dedicarono questa canzone (scritta in poche ore, ma modificata poco dopo nella versione attuale) per esortarlo a ritornare a ricostruzione avvenuta e godersi le bellezze di Sorrento.
Corriere del Mezzogiorno del 6 luglio 2002

It may seem strange to many, but this song is dedicated to a man. Here are the facts: In September of 1902, the Prime Minister, Giuseppe Zanardelli made an official visit to Sorrento. He took an apartment where Giambattista De Curtis used to work as a fresco painter.

In those times the conditions of Sorrento were catastrophic. Streets not connected, houses dilapidated and services were non-existent. To encourage the Prime Minister to do something as soon as possible, the De Curtises (Giambattista and Ernesto) dedicated this song to him. It was written in a few hours but has been modified slightly to the present version. They were urging him to return and enjoy the beauty of Sorrento after the hopefully coming reconstruction.
   


Who We Are - | - Southern Italian Immigration - | - Names on the Families Who Emigrated - | - Growing Up Italian American - | - Lodging in Campania & Southern Italy

Italian Dual Citizenship - | - Italian American Writers - | - Translations - | - Neapolitan Music