Back to the poetry index - | - Torna all'indice delle poesie

Gnente
Enzo Cagnetti
Premio Fuori Concorso della critica
XXIV PREMIO INTERNAZIONALE " ULIVO D’ORO"

Io nun so gnente, nun so nisuno
aricconto e storie pe’ quello che vedo
e poi scrivo no pe scordamme
ma pe fallo presente
alla gente che core e scappa
e nun te risponne
quanno je parli de n’antro monno
quello che nun se vede,
quello che nun se sente.

Nun te deve capità pe pensacce
è quanno sei felice che te devi move
nun e’ na regola e nessuno te dice come
stacce dentro sarebbe troppo semplice.

Omo che pensi solo al luccichio tuo
che te cechi allo specchio solo a guardatte
a faccia te lustri pure de notte
te guardi e te vedi vestito d’oro
sur trono che nun te portarai dietro
quanno o spavento sarà supremo.

E allora mettete a mano in saccoccia
tira fori er core co un po’ de sordi
e dalli a chi nun c’ha gnente
a chi nun vede, a chi nun parla
a chi la matina se sveja e non ce sente,
ma er core loro o capisce
e prenne per mano er core tuo
e je sussurra dorcemente
“Me fai sentì come sei te
famo a strada ‘nsieme
sta vita è na camminata breve
sta vita è na camminata solamente”