Back to the poetry index - | - Torna all'indice delle poesie

'Mbraccia 'o viento
Scritta da LUCIANO SOMMA
Recitata da SALVATORE LIETONE

N’ombra cummoglie chesti strade antiche
strette e affucate n’copp’a sti quartiere
addò ‘o respiro è affanne dint’’e viche
e l’arte d’arrangiarse è nu mestiere…

Eppure quacche vota sponta ‘o sole
dint’’all’uocchie ‘nnucente ‘e na creatura
“è tale e quale a ‘o pate “, so’ ‘e parole,
“Giesù ma comm’è grande sta natura”.

Ma è destinato e scritto ca stu sciore
Ca è nato e criscarrà dint’a nu vascio,
nun truvarrà mai spazio ‘a parte ‘e fore
scusate : faccio d’evera nu fascio.

Ma che se po’ ‘mparà miez’a na via
l’arruobbo, ‘o scippo, ‘a droga, ‘a delinquenza,
‘e vvote currarrà cu’’a fantasia
e ‘a scola ‘a stiente pigliarrà ‘a licenza.

Quant’è bellillo, è tale e quale ‘o pate,
mò dice ‘a ggente a chistu guagliunciello
pate che stà ‘a vintanne carcerate
p’eredità le lassa nu curtiello…

Sciore che schiuppe miez’a chesta gente
che nasce e more ogn’ora, ogni mumento,
tu si te può salvà ma overamente
vulanno miez’’e campe ‘mbraccia ‘o viento…