Cognome e nome
 TARDUGNO Giuseppe
 ALBANO Maria Giuseppa

Residenza
PIGNOLA, POTENZA
BASILICATA

Data di Arrivo
GIUSEPPE: aprile 1896
MARIA: novembre 1896

Età all'Arrivo
Giuseppe: 34 anni
 Maria Giuseppa: 27 anni

Stato Civile
 Sposato

Porto di Partenza
NAPOLI


ITALIAMERICA
home                  ENGLISH   |    i cognomi delle famiglie che sono emigrate

 TARDUGNO Giuseppe e  ALBANO Maria Giuseppa
di Barbara Tardugno-Cardino Florio
POTENZA
Giuseppe Tardugno nacque il 22 Novembre 1861 a Pignola da Angela Maria MANCINO e Michele TARDUGNO. La città di Pignola era precedentemente chiamata Vignola dai suoi vigneti. Il nome cambiò accidentalmente, quando un ufficiale romano confuse per caso la V con la F. Giuseppe aveva occhi blu e capelli castano chiaro ed era magro e di statura bassa. Era un bell'uomo, con dei baffi attorcigliati sulle punte che scendevano giù tutt'attorno al mento. I nomi di alcuni dei suoi fratelli erano Saverio* e Nicola Maria e quello della sorella era Maria Domenica. Forse aveva altri fratelli. Anche il fratello Saverio e la sorella Maria Domenica vennero in America. Altri fratelli e sorelle si trasferirono in Argentina.   

Maria Giuseppa ALBANO nacque a Pignola il 1 Aprile 1869 da Angela Maria RIENZO e Michele ALBANO. Aveva i capelli scuri e bellissimi occhi verdi. Anche suo fratello Vincenzo e la sorellastra Vincenza Fabriano-Albano vennero in America.

Si sposarono nel 1888 o prima

I miei nonni ebbero cinque figli a Pignola, ma solo uno di loro sopravvisse. Al tempo il tasso di mortalità era molto alto. Nacquero altri cinque bambini in America, Vincenzo (mio padre), Angela Maria e Maria Antonia. Persero due bambini: Saverio e Maria Domenica. Solo quattro dei loro dieci figli sopravvissero fino ad età adulta.

Uomo calmo, amante della pace, venne in America via Napoli nell'Aprile del 1986 sulla nave a vapore Belgravia. Nel Novembre del 1896 mia nonna arrivò in America sulla nave Massilia, con l'unico sopravvissuto dei suoi figli, Michele, di un anno d'età.

Al loro arrivo vissero a Snediker Avenue nella parte di Brooklyn che sta nell'East New York. Furono registrati presso la Chiesa Cattolica Romana Nostra Signora di Loreto (Our Lady of Loreto Roman Catholic Church) sulla Sackman Street e sulla Pacific Street. A Pignola appartenevano alla parrocchia di Maria SS degli Angeli.

Nell'atto d'iscrizione del loro figlio maggiore a scuola, per errore il nome fu cambiato in Cardino. Ebbero in totale diciotto nipoti e furono amati e rispettati da tutta la loro famiglia, dai vicini e dai paesani.

Contadino in Italia, Giuseppe fece l'operaio in America e lavorò anche per la Ferrovia di Long Island. Mia nonna iniziò a cucire per aumentare le entrate.

La nonna era una persona molto attiva che stava sempre a pulire e a lavare casa, ed insisteva a voler fare tutto da sola. Era particolarmente fissata con il fornello e con i letti. Voleva che i cuscini fossero sempre soffici, bianchi e puliti.
Come in ogni buona casa italiana, ogni volta che qualcuno veniva a trovarci, la Nonna insisteva a farlo sentire a casa propria offrendogli da mangiare. Questo metteva sempre in imbarazzo i suoi nipoti, specialmente se i loro amici non erano italiani. Ma i nostri amici apprezzavano sempre molto la sua ospitalità ed il suo cibo. In particolare ci piacevano i suoi staccinati fatti in casa, pasta coperta di pane fritto sbriciolato e di peperoncino. I miei cugini più vecchi si ricordano del vino fatto in casa del nonno e di quando portava i suoi nipoti a fare una passeggiata fino al negozio di caramelle del quartiere.

Le piaceva moltissimo raccontare ai suoi nipoti delle storie ed insegnare loro a pregare in italiano. A Maggio c'era il Patrono di Santa Maria Regina degli Angeli. I nonni andavano sempre alla funzione religiosa presso la chiesa di Nostra Signora di Lourdes (Our Lady of Lourdes), sebbene la loro chiesa fosse la Nostra Signora di Loreto (Our Lady of Loreto), dal momento che entrambe stavano nella parte di Brooklyn che sta nell'East New York.

Un giorno, mentre lavorava, mio nonno fu portato d'urgenza all'ospedale, dove morì il 24 Maggio 1924. Il mio più grande rimpianto è di non averlo mai incontrato e di non aver nemmeno mai visto una sua fotografia.

Qualche tempo dopo la sua morte, mio padre comprò una trifamigliare per sua madre e le sue sorelle sulla Williams Avenue, sempre a Brooklyn ad appena due isolati da dove era nato.

Maria Giuseppa morì nella nostra casa l'11 Novembre 1940. Sono entrambi sepolti nell'ala Saint Joseph del cimitero Holy Cross.

Se desiderate scrivere alla famiglia di Giuseppe Tardugno e Maria Giuseppa Albano in America potete usare questo modulo.  Potete scrivere in italiano o in inglese.
Nome:
Email:
Messaggio: